Osteria Francescana | Modena

L’Osteria Francescana di Massimo Bottura è il miglior ristorante del mondo.
Ha infatti recentemente vinto il premio The World’s 50 Best Restaurants Award 2016, di cui parlammo qualche tempo fa a proposito di un altro vincitore.
Già allora mi chiedevo fino a che punto fosse importante l’ambiente per garantire una perfetta esperienza culinaria globale.
Ritengo infatti che sia fondamentale fornire il prefetto supporto estetico, di design e di comfort ad un cibo più che ottimo. Ed è per questo che mi è venuta la curiosità di scoprire gli interni del migliore ristorante al mondo.

Osteria Francescana_esterno

Il progetto porta la firma dell’architetto Catia Baccolini, interior designer modenese.

Osteria Francescana_Davide Groppi_8Osteria Francescana_Davide Groppi_7Osteria Francescana_Davide Groppi_6Osteria Francescana_Davide Groppi_5Osteria Francescana_Davide Groppi_4Osteria Francescana_Davide Groppi_3Osteria Francescana_Davide Groppi_2Osteria Francescana_Davide Groppi_1

Da queste immagini, gli ambienti risultano particolarmente sobri ed omogenei.
I colori neutri dei grigi e dei nocciola fanno da sfondo alla splendida e quanto mai azzeccata illuminazione di Davide Groppi.
Fasce orizzontali incorniciano i soffitti, permettendo l’inserimento dell’illuminazione e delle tende, che costituiscono l’unico elemento frivolo dell’intero insieme.
La moquette uniforma tutti gli spazi e contribuisce alla sobrietà che caratterizza il ristorante.
Abbiamo quindi una perfetta tela neutra pronta ad ospitare i piatti di Massimo Bottura.

Curiosi del conto che vi verrà presentato alla fine di questa esperienza sensoriale a 360° in uno dei 12 tavoli disponibili?
Un antipasto 60 €, un primo 50 € almeno, un secondo 80 €, e un bicchiere di Franciacorta Ca’ del Bosco 20 €. Il totale lo lascio a voi.

Cominciamo a mettere i soldi da parte?

Credits: arch. Catia Baccolini e Osteria Francescana