Dormire bene. In hotel, ancora, ma anche a casa.

Gabriele Basilico

Mi ripeto: dormire bene in hotel si è trasformata per me in una sorta di mission impossible.
Non pochi sono i parametri che devono essere verificati. Comincio con la verifica della temperatura della stanza e della velocità dell’aria emessa dal condizionatore, passo per la pulizia delle tende – bandita la tenda per la doccia! – e concludo con il check del letto.
Comodo? Ovvio.
Scelta di cuscini diversi? Magari.
Pulito? Anche questa direi che è un’ovvietà, e quindi non racconterò di quella volta che, in un letto apparentemente intonso di una camera di albergo di nota località marina, ho trovato sabbia sotto il cuscino…
E non parlerò nemmeno di quei copriletto variamente decorati, o di quelle coperte in lana risalenti al lontano millenovecentodiciotto.
E le testiere dei letti in stoffa? No, non parliamo neanche di questo, dai…

COPRIPIUMINO Cinelli 12033

Piuttosto, rifacciamoci gli occhi e fantastichiamo tutti insieme su un hotel dove il letto è tale e quale al nostro di casa: lenzuola pulite, profumo di lavanda, e soprattutto il piumino!
Pensateci bene: è proprio lui, il piumino, a fare la differenza.
L’interno viene costantemente protetto da appositi copripiumini che vengono sostituiti per ogni nuovo ospite: cosa volere di più?
Già sento i commenti – soprattutto di mio padre! – che sostengono tesi del tipo Uhh il piumino mi fa sudare anche in inverno, Uhh in estate non si può usare, e via dicendo.

Trapunta invernale a 2015 CINELLI PIUME E PIUMINI.jpg

Cinelli Piumini e gradiente termico: queste le parole chiave per zittire anche gli irriducibili della coperta, tipo mio padre appunto.
Questa azienda italiana, che realizza in sede i propri prodotti, ha la soluzione per ogni temperatura: dal modello estivo a quello per zone climatiche molto fredde. Sia in hotel che nelle nostre case, il comfort è esattamente lo stesso, fatto di soluzioni per tutte le esigenze, oltre che di guanciali ed accessori preziosi e versatili.

Trapunta invernale b 2015 CINELLI PIUME E PIUMINI

Ho una notizia in più… Ho scoperto che quest’anno potremo costringere anche i nostri amici coperta-addicted a convertirsi ad un soffice calduccio regalando morbidi plaid Cinelli imbottiti in piuma d’oca come questi…

Detto tutto ciò, siamo quindi pronti a fondare il Movimento per l’utilizzo incondizionato del piumino?
Mi propongo come Presidente!

Credits: Cinelli Piumini

2 pensieri su “Dormire bene. In hotel, ancora, ma anche a casa.

  1. newwhitebear dice:

    Partiamo dai piumini. Quando per lavoro finivo in Germania era l’elemento camera che odiavo di più. Quando qualche volta ho usato il piumino di mia figlia, le sensazioni erano le stesse. Per come dormo io, va da tutte le parti ergo … censura.

  2. Pingback: Le calde piume di Cinelli – homestyleblogs.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *