Architè! Che fa, salda?

Gli architetti vengono pagati per ultimi, ultimissimi, a venticinque anni dal collaudo o giù di lì, giusto?
Ecco. Invece, i fornitori vengono saldati al montaggio. Altrimenti non montano.
E le imprese vengono saldate pochi mesi dopo la fine dei lavori. Altrimenti non se ne vanno!
Beati loro.

Ma, attenzione, mai cosa fu più errata!
Il fornitore andrebbe, lui si, saldato a venticinque anni dal montaggio. E l’impresa dopo almeno novantanove anni.
Perché, immancabilmente, manco arrivano al portone che scopri che qualcosa non va.

L’anta della lavastoviglie storta…
Ho mai raccontato di quella volta che mi hanno montato una cucina il 20 di agosto?
E dopo tre mesi l’anta della lavastoviglie non si muoveva se non con l’aiuto di Hulk in versione verdemuscoligrugniti.
E dopo tre anni l’anta continua a muoversi grazie ad Hulk, che ormai fa parte della famiglia.

Il condizionatore da alzare…
E quella volta che il condizionatore fu montato quattro centimetri troppo in basso, tanto da non fare aprire l’anta dell’armadio adiacente?
Dopo due anni, il Cliente ha sostituito le ante, mettendole scorrevoli.

La maniglia sbagliata…
E quella volta che montarono le pareti vetrate con una sola maniglia sbagliata?
Il rappresentante della ditta era il nostro referente. Ancora stiamo aspettando che risponda al telefono o alle mails quasi quotidiane, mie e del Cliente.

pareti vetrate

E la tapparella cadente…
Sono crollate tutte insieme. Si sono staccate dai rulli proprio alla scadenza della garanzia biennale che ogni impresa assicura.

Continuo? Meglio di no…
Quindi, cari miei, mai saldare prima di avere completato il lavoro e di avere collaudato a luuuuungo!!!
Pena il rischio di dover convivere con dei supereroi.

😕

0 pensieri su “Architè! Che fa, salda?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *